Monday, July 23, 2018
Home Serie A Inter, Spalletti: “Il rinnovo non è un problema, mi spiace per Cancelo...

Inter, Spalletti: “Il rinnovo non è un problema, mi spiace per Cancelo e Rafinha. I nuovi…”

0
13

​Dopo le presentazioni ufficiali di Kwadwo Asamoah, Stefan de Vrij e Lautaro Martinez come nuovi giocatori dell’​Inter, tocca a Luciano Spalletti chiudere l’intensa settimana di conferenze stampa in casa nerazzurra. Il tecnico interista ha parlato davanti ai cronisti alla vigilia del primo test amichevole stagionale che vedrà l’Inter impegnata domani contro il Lugano. La prima domanda è su Cristiano Ronaldo: Lui darà forza e visibilità al nostro campionato, ma una volta il nostro era il miglior campionato del mondo e per puntare a vincerlo non si sperava sull’indebolimento delle altre ma a essere la più forte delle più forti, penso che questo gioco al rialzo ci portava alla continua progressione. L’arrivo di Ronaldo è uno di quegli slanci cui bisogna agganciarsi perchè si possa ridare vita a quel meccanismo di voler essere la più forte di tutti. In tutti i commenti si legge entusiasmo, voglia di confrontarsi, di affrontarlo, un’aria di grande sfida e grande calcio e questo fa bene al nostro movimento. Grande campione, convinto di essere forte. Ma nessuno può farci sentire inferiori senza il nostro consenso”.

Si può pronunciare la parola lotta scudetto? “Non mi domando se potremo far bene ma perché non dovremmo far bene. Dovremo essere nella scia delle piu’ forti dentro tutti gli obiettivi, e lo faremo perché la società sta lavorando bene per avere una rosa di 20 giocatori forti per poterli cambiare e vincere tutte le partite”.

Udinese Calcio v FC Internazionale - Serie A

Sui nuovi arrivi: Lautaro ci sta facendo vedere di essere forte, maturo nonostante l’età, bravo a ricevere palla spalle alla difesa, fare perno sui difensori per trovare la porta, mi sembra dallo sguardo dentro le situazioni, carattere forte come molti argentini. Politano fa vedere la sua velocità palla al piede, dribbling; De Vrij abituato a giocare in Nazionale, rendere giocabile una palla recuperata in poco tempo; Nainggolan è facile da descrivere, l’avete visto, è trasparente, come lo vedi. Quando lo guardi non rischi di essere ingannato, ti descrive perfettamente quello che è e paga le pene di essere uno senza cover. Salcedo è tipo Karamoh, ti punta e ti salta, Asamoah è completo e perfetto per tentare di ambire a fare dei passi in avanti, sa già quello che fare e come comportarsi, ha giocato in più ruoli e ha sempre fatto bene, è maturo, ha qualità fisiche e tecniche per assolvere a qualsiasi compito”.

Su Perisic e Brozovic: “Ivan e Brozovic hanno fatto vedere nell’ultima partita quello di cui sono capaci, contro l’Inghilterra hanno fatto la partita piu’ bella, con piu’ qualità per l’apporto dei nostri due calciatori. Brozo in quella posizione ha determinato la qualità del gioco di squadra in una partita insidiosa, spostando anche Modric piu’ in là per dargli quella posizione. Ha fatto tantissimi chilometri, se non sbaglio 16, impressionante, e con qualità. Con lui la palla non muore mai, parte forte e arriva forte. Perisic è un giocatore da strapotere fisico, ha ragione Mourinho, se possiamo accostare uno a Ronaldo è proprio Ivan perché è forte nella velocità, sulla resistenza, si è visto in quella palla che è andato a prendere, ma anche in tutte le volte che ci ha aiutato anche in fase difensiva. Quello che deve imparare di piu’ è il contatto con la zona gol, spero che questa segnatura gli dia degli stimoli in piu’ perché può fare piu’ gol. Da questo Mondiale porteranno via tanti mezzi che metteranno poi a disposizione di questa squadra perché all’Inter si trovano bene e vogliono far bene”.

Sul contratto in scadenza: “Non c’è problema, non inventiamoci niente, qui c’è il direttore e sa che il contratto possiamo farlo in 5 minuti anche dopo l’allenamento, fatevi raccontare come è stato fatto il primo. Io qui mi trovo bene come ho sempre detto, non servono procuratori perché tra noi c’è un buon rapporto e siamo tutte persone serie che vogliono lavorare in maniera seria e corretta perché tutti gli sportivi che ci vengono a guardare meritano serietà e professionalità. L’unica cosa che ho veramente preteso è contrastare i tentativi o le trattative inverosimili che sono dannosi per la squadra e i nostri sportivi. Stiamo facendo un mercato fatto di obiettivi alla nostra portata e di idee”.

Pensa si possa fare qualcosa per Rafinha? Le è dispiaciuto per Cancelo?“Mi è dispiaciuto perché erano dentro la mentalità, dentro il gruppo, dentro i colori. Ma ci sono dei paletti da rispettare, messi in maniera giusta per carità, che non ci hanno permesso di tenerli. I regolamenti vanno conosciuti bene, ci sono le plusvalenze che fanno valere alcuni giocatori più di quello che si pensa e non eravamo in condizione di andare a opporci a questi numeri. Ma gli vogliamo bene e hanno dato molto per il risultato finale”.

https://www.90min.com/it/posts/6116421-inter-spalletti-il-rinnovo-non-e-un-problema-mi-spiace-per-cancelo-e-rafinha-i-nuovi?utm_source=RSS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here